Parrocchia Madonna Pellegrina - Massa Cervara

LITURGIA EUCARISTICA PDF Stampa E-mail
Liturgia - Rito della Santa Messa

LITURGIA EUCARISTICA

 

La Liturgia eucaristica consiste essenzialmente nel sacrificio conviviale, che, sotto i segni del pane e del vino, rappresenta e perpetua sull’altare il sacrificio pasquale di Cristo Signore. Sacrificio e banchetto sono così intimamente uniti, che nel momento stesso in cui si compie e si offre il sacrificio, lo si compie e lo si offre nel segno del banchetto. Ne consegue che i momenti principali della Liturgia eucaristica sono due: la grande Preghiera eucaristica, nell’ambito della quale si compie e si offre il sacrificio, e la santa Comunione, con la quale si partecipa pienamente, nella fede e nell’amore, al sacrificio stesso. Momento secondario è quello iniziale, in cui si presentano i doni sull’altare. Centro visibile della Liturgia eucaristica è l’altare.

 

 

seduti

PRESENTAZIONE DEI DONI

 

Si portano all’altare il pane e il vino che serviranno al banchetto eucaristico dei fedeli. Con la grande Preghiera eucaristica saranno cambiati nel corpo e sangue di Gesù. Per sottolineare la partecipazione all’«unico pane e all’unico calice» si abbia cura di preparare, per quanto è possibile, un’unica patena e un unico calice. Conviene che il pane azzimo sia fatto in modo che il sacerdote possa davvero spezzare l’ostia in più parti da distribuire almeno ad alcuni fedeli. Le altre offerte che si fanno a questo punto della Messa (ceri, fiori, e abitualmente denaro) sono riservate al servizio della chiesa e alla carità verso i fratelli più poveri. Seguiamo in silenzio i gesti del sacerdote (che possono essere accompagnati anche da un canto adatto) oppure rispondiamo alla sua preghiera.

 

Il sacerdote, mentre presenta il pane, dice:

Benedetto sei tu, Signore, Dio dell’universo: dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo pane, frutto della terra e del lavoro dell’uomo; lo presentiamo a te, perché diventi per noi cibo di vita eterna.

Benedetto nei secoli il Signore.

 

Mentre versa nel calice il vino, con un po’ d’acqua, il sacerdote dice sottovoce:

L’acqua unita al vino sia segno della nostra unione con la vita divina di Colui che ha voluto assumere la nostra natura umana.

 

Mentre presenta il vino, dice:

Benedetto sei tu, Signore, Dio dell’universo: dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo vino, frutto della vite e del lavoro dell’uomo; lo presentiamo a te, perché diventi per noi bevanda di salvezza.

Benedetto nei secoli il Signore.

 

Il sacerdote inchinandosi dice sottovoce:

Umili e pentiti accoglici, o Signore: ti sia gradito il nostro sacrificio che oggi si compie dinanzi a te.

 

A lato dell’altare, si lava le mani dicendo sottovoce:

Lavami, Signore, da ogni colpa, purificami da ogni peccato.

 

La presentazione dei doni si conclude con l’invito a pregare insieme con il sacerdote e mediante l’orazione sopra le offerte.

Pregate, fratelli, perché il mio e vostro sacrificio sia gradito a Dio, Padre onnipotente.

Oppure:

Pregate, fratelli e sorelle, perché questa nostra famiglia, radunata nel nome di Cristo, possa offrire il sacrificio gradito a Dio Padre onnipotente.

Oppure:

Pregate, fratelli e sorelle, perché portando all’altare la gioia e la fatica di ogni giorno, ci disponiamo a offrire il sacrificio gradito il Dio Padre onnipotente.

Oppure:

Pregate, fratelli e sorelle, perché il sacrificio della Chiesa, in questa sosta che la rinfranca nel suo cammino verso la patria,

sia gradito a Dio Padre onnipotente.

 

Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio

a lode e gloria del suo nome,

per il bene nostro e di tutta la sua santa Chiesa.

 

 

in piedi

 

ORAZIONE SULLE OFFERTE

All’orazione l’assemblea risponde con l’acclamazione:

Amen.

 

 

 

PREGHIERA EUCARISTICA

 

La Preghiera eucaristica esige che tutta l’assemblea l’ascolti con rispetto e in silenzio, e vi partecipi con le acclamazioni previste nel rito.

 

PREFAZIO (Azione di grazie)

La proclamazione o il canto del prefazio costituisce la prima parte della Preghiera eucaristica. Esso enuncia il tema dell’azione di grazie che varia secondo i tempi liturgici, le solennità o le feste.

 

Il Signore sia con voi.

E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.

Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.

È cosa buona e giusta.

 

Il testo del prefazio varia secondo il tempo liturgico e la Preghiera eucaristica usata.

 

ACCLAMAZIONE

Al termine del prefazio tutta l’assemblea si unisce all’azione di grazie del sacerdote con il canto del:

Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.

Osanna nell’alto dei cieli.

Benedetto colui che viene nel nome del Signore.

Osanna nell’alto dei cieli.

 

Sanctus, Sanctus, Sanctus Dóminus Deus Sábaoth. Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in excélsis. Benedíctus qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

 

Segue la Preghiera eucaristica II con il proprio prefazio.

 

 
LEGGI ANCHE QUESTI ARTICOLI CORRELATI:

Audio


sound by jbgmusic

I prossimi appuntamenti

Cathopedia

Chi è online

 378 visitatori online

Statistiche

Utenti : 2
Contenuti : 23160
Link web : 74
Tot. visite contenuti : 3091122
Copyright © 2014 Parrocchia Madonna Pellegrina - Massa Cervara. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.